Save the date: Festa Energie 21/22 Ottobre 2017 c/o Hotel Gallia Milano Marittima

Comment

Save the date: Festa Energie 21/22 Ottobre 2017 c/o Hotel Gallia Milano Marittima

Torna la grande Festa di Energie! Due giornate gratuite e aperte al pubblico per incontrare tutti i contributor della rivista e gli autori di EIFIS Editore. Due giornate piene di conferenze, relazioni, show cooking, mini WORKSHOP, presentazioni librarie, e un incredibile spettacolo.

Terrò un workshop, sabato 21 ottobre alle 15. Ecco il link per poter acquistare i biglietti e partecipare: http://www.eifis.it/e-store/public/products/workshop-terapie-naturali-per-i-bambini

 In occasione del Festival sarà possibile anche prenotare delle consulenze individuali:

Link Consulenzehttp://www.eifis.it/e-store/public/products/consulenze-di-naturopatia-slash-iridologia

Se volete partecipare potete  anche scaricare gratuitamente il biglietto per la festa di Energie e per visualizzare il programmahttps://www.eventbrite.it/e/biglietti-3-festa-energie-2017-37424301092

BANNER_FESTA_porro.jpg

Comment

Ricettina alcalina: zuppa di pere e finocchi

Comment

Ricettina alcalina: zuppa di pere e finocchi

Dosi per 2 persone

1 finocchio grande

1 cucchiaio da tavola di olio EVO

1 cipolla

1 pera

600ml di brodo vegetale

Tagliate il finocchio in 4 parti (potete tenere da parte alcune fettine sottili come decorazione finale) e mettetelo in una casseruola con assieme alla cipolla e l'olio e fate rosolate qualche minuto. Aggiungete qualche cucchiaio di brodo se si asciuga troppo.

Aggiungete la pera ed il bordo vegetale e cuocete a fuoco lento per 40minuti o finchè il finocchio non risulti meravigliosamente tenero.

Con un frullatore ad immersione frullate fino a rendere un composto cremoso e vellutato.

Servite la zuppa con un filo d'olio e decorate con il finocchio crudo.

Buon appetito!

Ricetta tratta dal libro: Sano Davvero, editore Eifis.

Comment

Dottore, posso NON prendere le medicine?

Comment

Dottore, posso NON prendere le medicine?

Cosa succede quando rivolgiamo questa domanda ad un naturopata anziché ad un medico?

Vi avverto…la mia risposta potrebbe stupirvi!

Mi sono capitate situazioni in cui delle persone si rivolgessero a me come naturopata chiedendomi se era proprio necessario prendere dei farmaci che gli erano stati prescritti.

E secondo voi, per l’opinione e l’esperienza che avete con la naturopatia, cosa ho risposto?

Secondo voi sarebbe professionale un naturopata (privo di qualifica medica) che vi sconsiglia apertamente l’assunzione di farmaci?

Ora vi chiedo un’altra opinione prima di svelarvi cosa ho risposto a queste richieste.

Quale parere avreste di un medico o specialista che di fronte ad una diagnosi e prescrizione di un collega lo definisse un idiota? Vi è mai capitato che un medico denigrasse in modo poco professionale il lavoro di un suo collega?

Bene, ognuno ha avuto le sue esperienze e mi auguro non abbiate mai avuto la sfortuna di avere a che fare con personale medico, magari anche altamente qualificato ma cosí poco serio da permettersi un comportamento del genere.

Ora vi svelo cosa ho risposto: non mi sognerei mai di farlo. Mi è stato chiesto se era proprio necessario prendere antibiotici, se veramente era il caso di prendere le statine o se si poteva anche solo sospendere la pillola anticoncezionale.

Ed io ho sempre rispettato il lavoro fatto da altri ma soprattutto ho sempre rispettato i miei limiti. Nella mia esperienza formativa ho sostenuto due esami che avevano come oggetto proprio la deontologia professionale. Ho sostenuto anche un esame sul come riferire ad altri professionisti. Ma qui in Italia mi è capitato raramente che venisse compreso in quale caso si possa riferire ad un naturopata (ma per fortuna esistono eccezioni J)

Un naturopata che intima ad un cliente di sospendere dei farmaci non è un professionista.

Allora cosa fa un naturopata serio in questi casi?

Vi aiuta a rinforzare le difese immunitarie per fare in modo che in futuro posano limitarsi gli episodi per i quali il medico vi prescrive antibiotici, cura la vostra alimentazione in modo che ai prossimi esami del sangue il vostro colesterolo sia entro la norma sarà poi il medico a decidere la prescrizione a riguardo. Si lavora di concerto ed al centro c’è la persona ed il suo benessere.

Ed in cosa consiste il mio trattamento come naturopata? Nell’analizzare i dati che raccolgo riguardo la persona, la sua storia, il suo stile di vita, la sua alimentazione. Nel mio caso anche l’analisi dell’iride indica molto del terreno della persona. Non si tratta di un metodo diagnostico ma neanche della sfera di cristallo…ma alcuni segni come per esempio l’anello lipidico presente attorno all’iride in caso di ipercolesterolemia sono ormai riconosciuti anche dalla medicina allopatica (quella dei medici intendo).

Quello che consiglio sono accorgimenti alimentari, studiati in base alla persona. Credete non si tratti di scienza? L’alimentazione è scienza e chi ha studiato chimica organica anche solo alle superiori lo può confermare.

Il fatto che siamo quello che mangiamo viene sempre più avvalorato anche in ambito scientifico e proprio noi italiani possiamo vantare ricerche che hanno dimostrato connessioni tra alimentazione e malattia. Ricerche che hanno avuto risonanza internazionale.

A seconda dei casi, mi capita di consigliare anche fitoterapici, ovvero erbe medicinali. Decido quali in base a metodi “evidence based”, cioè in base al risultato di ricerche scientifiche. Quando le consiglio tengo conto del fatto che possono interagire coi farmaci o determinate condizioni della persona. I fitoterapici non sono medicine ma purtroppo non sono molti i farmacisti che vi chiedono se siete incinta o prendete altri farmaci prima di vendervele. Stesso discorso per vitamine e minerali.

Eppure quanta gente ritiene questo lavoro poco serio, poco scientifico o stregoneria….

Certo non è un lavoro facile, ancora poco compreso nelle sue potenzialità.

In Australia, dove ho studiato, il naturopata è un professionista considerato seriamente.

Esempio: i malati di cancro solitamente sono seguiti da un oncologo, un naturopata ed un counselor o altro sostegno psicologico. Non vi sembra normale che un organismo che deve combattere il peggiore dei mali con l’aiuto della chemio o della radioterapia non debba essere anche sostenuto con una guida riguardo un’alimentazione sana e rimedi dolci che sostengano l’organismo nella depurazione e negli effetti collaterali? Non vi sembra normale che la mente e le emozioni di questa persona vadano sostenute in un passaggio cosi delicato?

Nella mia visione professionale un approccio non esclude l’altro, anzi si supportano a vicenda perché al centro dovrebbe esserci la persona, l’uomo nella sua totalità e soprattutto nel suo stare bene.

 

Se volete provare il mio approccio o avete domande contattatemi: alessandranaturale@gmail.com

Comment

Comment

ERBE DEPURATIVE IN CUCINA: INFO & CURIOSITÀ

Bardana / Arctium Lappa

Curiosità: Questa specie che nel continente americano fu introdotta dall'Europa, venne utilizzata in campo medico da molte tribù indigene. Gli indiani delle Grandi Pianure si servivano della Bardana per scopi cerimoniali e gli oto utilizzavano un decotto della radice contro la pleurite, sempre la radice faceva parte di un rimedio utilizzato dalle donne meskwaski durante il travaglio.I flambeau ojibwa con la radice preparavano un rimedio contro il mal di stomaco e le attribuivano effetti tonificanti.
Georges de Mestral, agli inizi degli anni 1950, di ritorno da un passeggiata in campagna si accorse di avere fiori di Bardana attaccati alla giacca, incuriosito li analizzo al microscopio scoprendone gli uncini che gli diedero l'idea per realizzare il velcro, un metodo di chiusura composto da 2 strisce una di tessuto peloso e l'altra di tessuto con uncini flessibili e duro.

Proprietà: La Bardana contiene lappina, inulina, acido tannico e sostanze mucillaginose ed è considerata una delle piante depurative più importanti non solo per la nostra tradizione ma anche per la medicina cinese. Da sempre è conosciuta come pianta dermopatica, riscontrando un grande utilizzo nella cura delle dermatosi, acne e dermatite seborroica. Le sue foglie sono cicatrizzanti: si applicano schiacciate sulle piaghe e sulle eruzioni cutanee in genere. La bardana aiuta anche in caso di dolori artitici alle articolazioni. In fitoterapia la Bardana è utilizzata per le sue proprietà ipoglicemizzanti, drenante, ipocolesterolemizzante, e depurativa in generale, favorendo l’eliminazione delle tossine dall’organismo.
 

Comment

Comment

ERBE DEPURATIVE IN CUCINA: INFO & CURIOSITÀ TARASSACO

Tarassaco o “insalata matta”.

Storia Il tarassaco è noto fin dai tempi antichi per le sue proprietà depurative, tanto è vero che il suo nome deriva dal greco “tarakè” ossia “scompiglio, turbamento” e da “akos” che significa “rimedio”, da cui Taraxacum, nome datogli dagli Apotecari alla fine del Medioevo.

Le foglie, facilmente riconoscibili nei prati con il loro profilo a grandi denti, sono ricche di vitamine del gruppo A, B, C e D mentre le radici hanno proprietà fortemente depurative per l’organismo.

Curiosità Attorno a questa pianta sono fioriti miti e leggende. Grazie al tipico “soffione”, che viene fatto volare via in un fiato, gli innamorati si scambiano promesse d’amore: se gli acheni, dopo il soffio, volavano via tutti, disperdendosi nel vento, i loro desideri, si dice, verranno realizzati.

Il tarassaco viene anche definito scherzosamente “Piscialletto” per le sue forti azioni drenanti e depurative e perchè, ai bimbi viene raccontato che chi lo raccoglie, avrà problemini di incontinenza tutta la notte.

In cucina Il tarassaco può essere utilizzato in cucina in svariati modi. Le foglie fresche possono essere aggiunte alle insalate (da mescolare ad altre a causa del loro gusto particolarmente amaro) o alle frittate o panini,

le foglie più grandi e coriacee, invece, sono ottime per minestre e zuppe.

I boccioli dei fiori, messi sotto aceto e sale, sostituiscono i capperi e

le radici tostate sono un buon surrogato del caffè (quello che si trova in vendita sotto il nome di “caffè di cicoria” ).

Con i fiori, infine, può essere realizzata un’ottima marmellata.
 

Comment

Comment

ERBE DEPURATIVE IN CUCINA: INFO & CURIOSITÀ CURCUMA

Curcuma longa è una pianta perenne, della famiglia delle Zingiberacee (la stessa dello zenzero), alta circa un metro, con foglie oblunghe e fiori bianchi o gialli. Cresce in zone tropicali, con temperature comprese tra i 20 e i 35°C. E’ originaria dell’Asia meridionale. Il colore giallo intenso della spezia è dovuto alla presenza di curcumina, un potente antiossidante presente nel rizoma. Curiosità In India, la pianta è conosciuta e utilizzata da circa 5.000 anni come medicina, spezia per insaporire i cibi e come colorante. Il suo nome in lingua persiana antica, kour koum, significa zafferano, tanto che la curcuma per secoli è stata detta “zafferano delle Indie”. E’ nota anche per essere uno degli ingredienti base del curry, mix di aromi e spezie molto usato nella cucina indiana.

Proprieta: Antinfiammatoria, antiossidante, coleretica, colagoga, carminativa, epatoprotettiva, ipolipemizzante, immunostimolante, antibatterica, antitumorale.
 

Comment

Erbe depurative in cucina: info & curiosità CARDO MARIANO

Comment

Erbe depurative in cucina: info & curiosità CARDO MARIANO

CARDO MARIANO O SYLIBUM MARIANUM

In passato il cardo mariano veniva coltivato come ortaggio e le radici bollite e mangiate. I capolini sono ottimi sostituti di carciofi.

La silimarina contenuta nel cardo mariano ha dimostrato un effetto protettivo e antiossidante contro molti tipi di tossine chimiche, incluso l'alcool.

è usato per migliorare la funzione epatica, proteggere contro i danni al fegato e accelerare la rigenerazione delle cellule epatiche danneggiate.

Comment

Superfood questi sconosciuti: tutta la verità sulla Spirulina

Comment

Superfood questi sconosciuti: tutta la verità sulla Spirulina

Che cos'é la spirulina?

É una piccola alga verde blu con la forma di una spirale perfetta.

Biologicamente si tratta di uno dei primi abitanti del nostro pianeta.

É apparsa in natura 3.6 bilioni di anni fa, facendo da ponte evolutivo tra il mondo dei batteri e quello delle piante verdi. 

Questa pianta d'acqua ha rinnovato se stessa per milioni di anni ed ha nutrito molte culture antiche in Africa, Medio Oriente e nelle Americhe.

La spirulina cresce naturalmente in ogni continente in laghi dall'acqua pulita, dal ph basico e ricchi di minerali, spesso vicino a vulcani. Infatti nelle Hawaii si trova una delle qualità migliori al mondo. Le più larghe concentrazioni, ad oggi presenti, possono essere trovate nel lagoTexcoco in Messico, intorno al lago Chad in Africa Centrale e lungo la Great Rift Valley nell' Africa dell' Est.

Ippocrate diceva: " Lascia che il cibo sia la tua medicina e che la tua medicina sia il cibo. " 

La Spirulina é definita un superfood ( un supercibo! ) perché il suo contenuto di nutrienti é più potente di qualsiasi altro cibo.

La maggior parte dei nutrimenti essenziali richiesti dal nostro corpo sono concentrati nella spirulina.

É composta da almeno il 60% proteine vegetali, vitamine essenziali e fitonutrienti come l' acido gamma linoleico, sulfolipidi, glicolipidi e polisaccaridi.

Contiene beta carotene naturale ( provitamina A ) 

La spirulina é la fonte naturale in assoluto più ricca di betacarotene, dieci volte superiore alla carota. Il betacarotene naturale é superiore a quello sintetico perché il corpo umano converte il beta carotene in vitamina A solo in base alla necessità, autoregolandosi naturalmente, senza il rischio di un sovraddosaggio di vitamina A che potrebbe risultare tossica. Il beta carotene é anche un importante antiossidante . Diversi studi scientifici hanno dimostrato che cibi ricchi di betacarotene e vitamina A riducono il rischio di cancro.

Contiene Acido Gamma Linoleico ( GLA )

Questo acido grasso é anche presente nel latte materno per un sano sviluppo del bambino. 

Il GLA é il precursore delle prostaglandine, ormone che controlla molte altre funzioni.

La spirulina é l' unico cibo, a parte il latte materno, con una concentrazione di GLA.

Il miglior integratore naturale di ferro

Il ferro é essenziale per il sostegno di un sistema forte e sano, ma la carenza di ferro ed anemia sono tra gli sbilanciamenti più comuni.

Studi scientifici hanno dimostrato come la spirulina venga assorbita al 60% in più rispetto agli integratori di ferro da laboratorio.

Alto contenuto di vitamina B12 e complesso B 

La spirulina é la fonte più alta in assoluto di vitamina B12, superiore al fegato di manzo.

La vitamina B12 é necessaria allo sviluppo dei globuli rossi.

Siccome la vitamina B12 é la più difficilmente ottenibile da risorse vegetali, é raccomandabile ai vegetariani l'assunzione regolare di spirulina.

fitonutrienti

I polisaccaridi contenuti nella spirulina sono facilmente assorbiti dall'organismo, richiedendo pochissima insulina. Fitonutrienti che danno energia pronta senza affaticare il pancreas.

Sulfolipidi

Contenuti nelle alghe blu azzurre possono prevenire l'attacco dei virus nei confronti delle cellule sane, prevenendo quindi infezioni virali.

Fitocianidi

Il pigmento più importante nella spirulina, contiene sia magnesio che ferro e il suo sviluppo molecolare ricorda quello dell'origine della vita, comune nelle piante e negli animali. Studi hanno dimostrato come le cellule staminali risiedano nel midollo osseo e il fatto che siano essenziali ai globuli bianchi per poter costituire un sistema immunitario forte ed anche ai globuli rossi per poter ossigenare il corpo.

Clorofilla

Fitonutriente noto per le sue proprietà depurative e detossinanti. La spirulina contiene l'1% di clorofilla, tra i più alti livelli trovati in natura, ed il più alto livello di clorofilla A.

Carotenoidi

contiene un complesso di carotenoidi che agiscono sinergicamente sul corpo rinforzando la protezione antiossidante.

Come usare la spirulina

La spirulina e' un cibo completamente naturale che fornisce energia e nutrimento.

La polvere più essere aggiunta a succhi di frutta o vegetali o a piatti preparati. E' particolarmente gustosa nelle zuppe, insalate, pasta o pane fatti in casa o mescolata nello yogurt o in un frullato. Se avete un palato dolce provatela frullata con una banana e latte (anche soya o riso).

Consiglio: mischiatela con del succo di limone! La vitamina C contenuta nel limone faciliterà' l'assorbimento del nutrimenti, come il ferro.

Provatela con papaia e limone o ananas e limone....o solo limone!

Dosaggio:

Ci sono dati provenienti da un uso prolungato che evidenziano vantaggi nell'utilizzo da 1 a 5 grammi al giorno. Si tratta di un cibo naturale e sicuro, privo di contra indicazioni. 

Comment

the Detox Experience: diario di un'esperienza depurativa di 24h

Comment

the Detox Experience: diario di un'esperienza depurativa di 24h

Erano i primi di Dicembre quando ho conosciuto Sandra, brillante ideatrice di Depuravita, che propone comodi Detox a base di centrifugati o zuppe, recapitati direttamente a casa.

Arrivo da una settimana di semi influenza, dovuta ad un virus gastrointestinale passato da mia figlia. Dopo 3 giorni di crampi allo stomaco nella tua testa il diavoletto suggerisce di godersi finalmente i piaceri della tavola ma l'angioletto raccomanda un bel detox.

Diamo retta all'angioletto questa volta, la voglia di star bene é tanta e so che una bella pulizia del tratto digerente é quello che ci vuole.

Ricevo il pacco Depuravita a casa, col contenuto di 2 giorni di Detox Classico più due zuppe.

Il Detox prevede 6 succhi giornalieri da consumare in fasce orarie durante la gioante: 1 coincide con la colazione, poi un'altro in mattinata, il terzo in orario di pranzo, il quarto nel primo pomeriggio, il quinto nel tardo pomeriggio/sera e poi uno la sera. Decido per scopi scientifici di condividere l'esperienza col mio compagno, per valutare gli effetti su due soggetti diversi.

Non era contento all'idea di essere usato come topolino da laboratorio dei miei esperimenti ed ancor meno all'idea di ingerire solo succhi per 24ore...ma alla fine cede per curiositá.

Se aspetti il giorno ideale per un detox, non arriva mai! Ed infatti noi l'abbiamo svolto in un giorno scelto a caso ed é capitato in una giornata con molti impegni.

La mattina lui parte per l'ufficio con le bottigliette di succo destinate alla giornata ed una zuppa per pranzo. Ho aggiunto un sacchettino con mandorle e semi misti in caso di emergenza. La sua giornata é andata liscia, a parte la curiositá dei colleghi verso questa speciale "schiscetta", nessun problema.

Anzi: lui é la classica persona che corre via di casa senza far colazione e va avanti a caffe fino a pranzo. Il suo organismo coi due succhi della mattina ha ricevuto energia inaspettata sotto forma di vitamine e minerali. Infatti la sua sensazione entro pranzo é di grande energia e carica, nonostante non abbia consumato neanche un caffè!

Torna dall'ufficio entusiasta ed ha riportato a casa il sacchettino di mandorle intonso.

Io ho il bioritmo opposto a quello del mio compagno ma di base piu sano, infatti faccio sempre colazione.

Attorno alle 11 il mio stomaco gorgoglia, sono molto tentata dal masticare qualcosa...ma mi accorgo di avere ancora un succo a disposizione e la sensazione di fame scompare.

Verso le 12 ecco una leggera ma dispettosa emicrania. La riconosco subito: è la mancanza di caffeina. Anche se bevo solo un caffè al giorno il mio organismo vive questa dipendenza dandomi segnali tramite dei ricettori in zona cerebrale (è molto individuale....c'è chi manifesta più sullo stomaco o sull'intestino). So cosa fare: una bella tazzona di the verde e già sto meglio.

Il tardo pomeriggio prevede molti impegni, spostamenti, abbiamo parecchie cose da fare assieme ma nessuno dei due avverte fame o mancanza d'energie.

Verso le 19 ci cade un po' la catena...avevamo giá consumato il succo del pomeriggio e mancavano un paio d'ore a quello della sera, cosa fare? Mangiamo mezza mela a testa e una decina di mandorle, masticando a lungo ogni mandorla, il tutto accompagnato da una bella tisana depurativa. Ci sentiamo rifocillati e in forma.

Per la sera, avendo libera l'ora di cena, ho prenotato una lezione di Yoga. Praticare yoga in una giornata di Detox liquido è puro godimento.

Sconsiglio una pratica troppo dinamica, ideale invece una pratica dolce ma profonda, tipo una lezione di hatha o di antigravity oppure un flow leggero. Ideali tante torsioni e posizioni inverse per ripulire bene intestino e massaggiare ed ossigenare gli organi interni.

Prima di andare a dormire consumiamo l'ultimo succo di cui ci eravamo quasi dimenticati!

Le considerazioni sulla giornata sono molto positive, i limiti mentali sul fatto di riuscire ad affrontare una giornata piena d'impegni senza cibo solido vengono abbattuti. Anzi maggior lucidità, efficienza e più tempo a disposizione per se stessi se consideriamo che io al posto di cucinare ho deciso di spendere 30min distesa a leggere ed il mio compagno ha fatto una bella passeggiata ed alcune commissioni durante la pausa pranzo.

I benefici fisici sono sensibili anche solo dopo un'esperienza cosi breve: pelle distesa ed idratata, pance piatte e sgonfie, alito profumato, gambe leggere, occhi brillanti, sensazione generale di leggerezza e benessere.

Prima di scrivere di questa mia esperienza ho fatto una piccola ricerca, ho notato che altri, come noi, hanno avuto un'esperienza molto positiva...ma ovviamente non poteva mancare la critica. Inaspettatamente la trovo su una testata che rispetto. Descrive il juice detox come uno stile di vita scorretto, caloricamente al di sotto della media consigliata ect ect...

Mi permetto di dissentire perche prima di tutto non si tratta di uno stile di vita. Personalmente consiglierei un juice (o juice+soup) detox di un giorno almeno una volta al mese e per chi ne sente l'esigenza approfondendo con un detox di 3 giorni 2 volte l'anno. Il momento migliore del mese é il cambio di luna, quindi con luna piena o luna nuova. Oppure secondo la tradizione ayurvedica nel giorno di ekadashi, cioé 11 giorni dopo il cambio di luna, basta consultare il calendario 2017 per non sbagliare.

Per il Detox più profondo niente di meglio del cambio di stagioni o dopo un periodo di eccessi.

Si tratta quindi di pratiche periodiche, non di una dieta consigliata quotidianamente. Pratica per di più caldamente consigliata anche da esperti oncologi.

 

Comment

Yoga&Kitchen

Comment

Yoga&Kitchen

dal 14 al 17 Aprile 2017

nello splendido Chalet Princesse di Megeve faremo cose magiche...come sempre nei ritiri Yoga presso questo Chalet!

Questa volta in programma oltre alle pratiche Yoga quotidiane con la bravissima Cristina Bazzanella abbiamo in programma anche un corso di cucina naturale tenuto dalla sottoscritta. Chi ha già partecipato ai ritiri Yoga presso lo Chalet sa che il mio concetto di cucina naturale predilige anche la soddisfazione del palato. Vi svelerò segreti e ricette in una mini lezione teorica ed una masterclass pratica. Definita Masterclass perche ci ispireremo molto a Masterchef nello svolgimento della lezione pratica. Allo Chalet Princess non ci si annoia ;-) Per quanto riguarda le pratiche yoga ogni giorno Cristina ci propone diverse classi Yoga: Vinyasa Yoga - L’ Apertura del cuore, La Serie completa di Ashtanga Yoga e L’Equilibrio e Inversioni - Hatha Yoga.

Tutto ciò nella cornice di uno chalet a 5 stelle, stanze da sogno ed una spa degna di un boutique hotel.

Per sciatori e snowboarder sappiate che le ultime news che ci arrivano dai maestri di sci locali sono molto positive sulla possibilità di sciare anche a Pasqua. 

Comment

io amo questo lavoro

Comment

io amo questo lavoro

titolo che suona idilliaco ma che cela non poche difficoltà...

essere una naturopata in Italia vuol dire ancora non avere nessun tipo di associazione professionale riconosciuta dal governo e di conseguenza fare un lavoro visto ancora da molti poco serio.  complice il fatto che molti si pregiano di questo titolo agendo poi in modo poco professionale... ma questo avviene in ogni campo professionale. che il karma li punisca ;-)

dove mi sono formata, a Sydney, i naturopati lavorano in vere e proprie clinic ed addirittura i trattamenti, in alcuni casi, vengono anche rimborsati dalla previdenza sociale! ma la mia vita e la mia famiglia ora sono qui in Italia ed é qui che lotto quotidianamente per sbarcare il lunario nel modo più professionale che posso... tante porte in faccia, tante delusioni e preoccupazioni ma poi ti arriva una mail così ti si accende il cuore e ti scende una lacrima di gioia...

Ciao! Sì grazie mi è arrivato tutto, i tuoi consigli precisi e dettagliati su misura per me! Ti ringrazio e voglio dirti che hai fatto la differenza. Per come ti poni, perché credi in quello che dici, perché lo fai con amore e in modo personalizzato e perché mi hai dato fiducia. Grazie ai tuoi consigli sulle bevande zuccherate ho smesso di comprarle ed ho riacquisito dopo tanto tempo la sensazione di "potercela fare". Quindi inizierò per bene il mio percorso e voglio essere presente all'appuntamento con te con solo buone notizie da darti! Grazie!Sono molto contenta di averti trovata!

Comment