Bambini e zucchero

lollipop.jpg

Quando si parla di bambini e zucchero per la maggior parte di noi l’associazione di idee pare legittima,  spesso perché ignoriamo l’effetto dello zucchero sulla salute e la crescita del bambino.

I pediatri sconsigliano ma spesso non argomentano. Durante le visite, per il pediatra l’aspetto alimentare purtroppo rappresenta ancora un argomento marginale.

Invece genitori e educatori sono sempre più attenti al fatto che zuccheri e carboidrati raffinati hanno un forte impatto sul comportamento dei bambini, in particolare sui livelli di attività e attenzione.

In campo medico è ormai noto che l’oscillazione dei livelli di zucchero nel sangue (glicemia) impattano su tutto l’organismo. Un esempio: quando il corpo va in ipoglicemia (mancanza di zuccheri) possono apparire sintomi sia fisici che mentali, cioè il classico annebbiamento che modifica le nostre capacità di comportamento e di pensiero. Nel caso dei bambini, a differenza dell’adulto, non sono in grado di riconoscere e giustificare questi sintomi.

Gli zuccheri nel sangue vengono regolati dalla produzione di insulina, e durante la giornata seguono normali “alti e bassi” ma quanto mangiamo cibi o bevande molto zuccherate l’oscillazione della glicemia assume le sembianze delle montagne russe: maggiore è la salita e più ripida la discesa! Ovvero: cibi ricchi di zucchero alzano la glicemia ma poi causano quel famoso picco ipoglicemico.

Picco ipoglicemico=bambino che si comporta in modo strano, capriccioso, nervoso, irragionevole, per i piccoli studenti difficoltà di concentrazione.

Per regolare il picco glicemico e rendere più dolci queste oscillazioni ci vengono in aiuto le fibre, importanti per la salute e il comportamento dei bambini.

Un semplice esempio: abbinare la tanto amata cioccolata a pane integrale o qualche mandorla.

Ma vediamo tutta la giornata alimentare pasto dopo pasto:

La colazione dei piccoli campioni: In Italia siamo abituati al concetto di colazione come “momento dolce” della giornata. Nel mio lavoro da naturopata, quando analizzo l’alimentazione quotidiana dei miei clienti, noto che si tratta anche del pasto più ripetitivo in assoluto. I modelli consumistici imposti non ci sono d’aiuto suggerendo latte+biscotti/merendine/cereali industriali. Indice glicemico della colazione italiana: super picco a cui segue la classica crisi di zuccheri delle 11am!

Per rompere la routine e bilanciare la colazione suggerisco: frutta, varietà e almeno 3 colazioni salate a settimana.

Pranzo: quando non pranzano a scuola cerchiamo di bilanciare il pranzo con alimenti freschi. Devono esserci sempre delle verdure (crude o cotte), una proteina e le nostre amate fibre. Esempi di fibre cereali, pasta integrale, pane integrale, anche le immancabili verdure ne sono ricche.

Merende: anche per la merenda vale la stessa regola della colazione. Siamo culturalmente portati a pensare debba essere dolce, mentre in altre culture può essere normale un uovo sodo o delle carote con hummus come merenda sana! Evitiamo merendine industriali carichissime di zuccheri. Anche i succhi di frutta nascondono molti zuccheri e negano ciò che in natura cercheremmo in un frutto cioè: vitamine e minerali. Meglio un frutto vero di stagione oppure una manciata di mandorle e uvette, pane integrale con crema di mandorle, una galletta di riso con composta di frutta.

Cosa c’è per cena? Quello che consiglio alle mamme è di pianificare i pasti. La pianificazione porta via un’ora del vostro tempo a settimana, ma evita sprechi, sbattimenti e stress. Pianificate in base quello che i vostri figli mangiano a pranzo e cercate di variare le proteine che portate in tavola ogni sera e seguire la stagionalità delle verdure.

 

Questi sono solo alcuni dei consigli che come naturopata e mamma posso suggerire, ma solo con un’attenta analisi della situazione posso dare suggerimenti personalizzati che tengono conto di gusti, abitudini, orari, etc.

Se sei una mamma o un papà e vuoi saperne di più su come nutrire tuo figlio in modo sano, prevenire malanni stagionali o risolvere altre particolari questioni che riguardano il suo benessere contattami qui.